S.C. PEDALE ATZARESE

Festa dei 10 anni

Fotografie di Giorgio Baldini

Grande festa per i dieci anni del “Pedale atzarese”

Atzara C’è stata grande festa nei giorni scorsi per il decimo anniversario della fondazione della società ciclistica “Pedale atzarese”. Un anniversario dedicato a quanti hanno contribuito e collaborato alla fondazione e alla crescita della società ciclistica, che con il passare degli anni è diventata un prezioso patrimonio di tutto il Mandrolisai e dell’intero movimento ciclistico sardo. Ospiti d’eccezione sono stati il presidente nazionale della Federazione ciclistica italiana Giancarlo Ceruti, il presidente della commissione nazionale dei direttori di corsa Silvano Antonelli e il coordinatore nazionale del gruppo di lavoro del settore giovanile Maurizio Luzzi. Nella bella sala del centro di aggregazione sociale non si era mai vista tanta gente. Presenti al gran completo atleti e atlete della società ciclistica locale, rappresentanze delle società ciclistiche di Orosei, Oliena, Orani, e Siniscola, e poi il presidente provinciale della federazione ciclistica italiana Mario Chighini insieme a tanti ospiti provenienti da tutta la Sardegna. Il presidente del “Pedale Atzarese” Tommaso Corongiu ha ripercorso con emozione le tappe di una storia ciclistica che, sulle strade polverose della Barbagia, lo hanno visto in veste di pioniere. Al presidente Ceruti ha chiesto con forza di far tutto il possibile perché il ciclismo torni ad essere uno sport pulito e d’esempio per i ragazzi. Sul tema della sicurezza nel corso delle gare si è dilungato Mario Chigini. Silvano Antonelli ha avuto parole di elogio per una realtà piccola, ma tanto vitale, come la società ciclistica di Atzara, inserita in una regione che in questo sport paga ritardi pesantissimi. Il presidente Ceruti - reduce da un convegno a Oliena dove si è parlato dell’argomento - ha a sua volta insistito sul problema della sicurezza, sottolineando il massimo impegno della federazione, e inoltre la necessità che il ciclismo entri nelle scuole. Ha rivolto un invito ai dirigenti delle società perché prendano iniziative di collaborazione con le scuole. La festa è terminata con la consegna di targhe e gagliardetti.